Risparmio, investimenti finanziamenti
Patrizia Puliafito
DIRETTORE RESPONSABILE
Patrizia Puliafito
Patrizia Puliafito

Come sarà la settimana finanziaria 11-15 giugno?

Redazione
Mercati azionari, oro petrolio SalvaDenaro
Eurozona, Usa, Giappone: la visione dei mercati di Marco Vailati, responsabile Ricerca e Investimenti di Cassa Lombarda.

Eurozona: Il Pil è sostenuto dalle scorte

La fiducia degli investitori ha visto il calo maggiore dal 9/14 ed è arrivata a toccare i minimi dal 10/16. L’accresciuta volatilità dei mercati, la prospettiva di politiche monetarie meno accomodanti, l’aumento delle tensioni politiche e commerciali e di ondate populiste contribuiscono a deprimere in negativo la componente Aspettative. Nonostante il progredire della crescita e la svalutazione superiore al 3% m/m dell’Euro, la crescita tendenziale dei prezzi alla produzione si riduce e si registra una ripresa solo moderata delle vendite. I dati finali delle pmi confermano le anticipazioni di attività in decelerazione da aprile. Il dato finale del Pil del primo trimestre conferma la decelerazione per via di un calo degli investimenti e del net export, solo in parte compensati dall’accumulo scorte.

USA: dirompente accelerazione delle attività

Nonostante gli ordini abbiano registrato un calo per la componente volatile, siamo al decimo mese consecutivo di crescita tonica per la componente “core”. Gli investimenti sono stimolati dalle liberalizzazioni e dalla riforma fiscale dell’amministrazione Trump, come anche dal pieno assorbimento della capacità produttiva che rende necessario il potenziamento per soddisfare la crescente domanda. I Pmi, ai massimi pluriennali, e l’Ism non manifatturiero, in espansione per il centesimo mese consecutivo, hanno evidenziato una dirompente accelerazione delle attività, con i posti vacanti al record assoluto della serie e le richieste di disoccupazione prossime ai minimi, che permettono un consolidamento ai massimi del benessere dei consumatori. Con una riduzione del deficit, anche dalla bilancia commerciale arriva un contributo positivo al Pil del trimestre in corso.

Giappone: attività in decelerazione, Pil e consumi in calo.

Riaccelera la crescita in percentuale della base monetaria, che rimane tuttavia inferiore all’obiettivo indicativo di 80 trl Yen a/a per il rendimento contenuto del decennale giapponese. I Pmi hanno registrato una decelerazione dell’attività a maggio, anche se ancora in area espansiva per il ventesimo mese consecutivo. Calano, per il terzo mese consecutivo, i consumi reali di aprile. Viceversa continua la graduale ripresa dai minimi di febbraio degli indici Anticipatore e Coincidente, che sono a livelli storicamente discreti – più il Coincidente che l’Anticipatore – coerenti con una crescita sopra potenziale e un massimo che è stato forse raggiunto con una probabile stabilizzazione su livelli inferiori. I dati finali del Pil del primo trimestre confermano il primo calo dopo 8 espansioni consecutive, ma con premesse per il recupero: investimenti in aumento, scorte ridotte e piena occupazione che sosterrà la ripresa della domanda.

 

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © 12 giugno 2018