Risparmio, investimenti finanziamenti
Patrizia Puliafito
DIRETTORE RESPONSABILE
Patrizia Puliafito
Patrizia Puliafito

Casa: nel 2018 dove conviene comprare per risparmiare?

Gino Pagliuca
Comprare casa: tutti i costi a confronto salvadenaro

Casa: meglio nuova, ristrutturata o da ristrutturare? Dove si risparmia: i costi a confronto

A parità di caratteristiche dell’edificio e della zona in cui è ubicata, è più conveniente comprare una casa da ristrutturare  o già ristrutturato pronto da abitare da subito?  E’ quanto cerca di dimostrare una recente ricerca della società di consulenza Scenari immobiliari, che ha messo a confronto i prezzi medi delle abitazioni con i costi indicativi di ristrutturazione indicati dalla società edile Paspartu.

A Milano: un alloggio in zona semicentrale di 60 metri quadrati già ristrutturato costa in media 308mila euro, mentre la casa da ristrutturare ne costa 246mila.

Ipotizzando che per ristrutturare servano in media 36.500 euro, si arriva a un costo totale di 282.500 euro con un risparmio di 25.500 euro.

A Roma:  una casa ristrutturata in una buona zona residenziale costa 419mila euro; da ristrutturare costa  342mila euro, se  costo di ristrutturazione è di 37mila euro si risparmiano 40mila euro.

Dove si risparmia di più comprando casa da ristrutturare

Casa: dove conviene comprare Prendendo in considerazione tutti i  capoluoghi di provincia italiani, conviene acquistare una casa da ristrutturare:

  • nelle città dove i prezzi di acquisto  sono alti;
  • nelle aree di pregio.

Va anche detto che:

  • comprare una casa da ristrutturare consente la personalizzazione dell’immobile e questo vale soprattutto per le case di dimensione medio grande.
  • i costi di ristrutturazione possono essere dedotti dalla dichiarazione dei redditi per il 50% spalmati su dieci anni, ma attenzione a valutare bene i lavori da fare. I lavori di ristrutturazione hanno un senso se si tratta di interventi di una certa consistenza.

Ipotizziamo, ad  esempio, che come intervento di ristrutturazione sia necessario solo  cambiare i pavimenti o cambiare gli infissi. Questi lavori sono considerati interventi di manutenzione ordinaria e non sono soggetti ad agevolazioni fiscali, a meno che non   rientrino nell’ambito di una ristrutturazione più complessa che prevede anche  l’abbattimento o lo spostamento di pareti. Quindi il rischio è che per ottenere il bonus fiscale si proceda a fare lavori che  non servono e che obbligano ad istruire una pratica, la cosiddetta Dia, e ad attivare un progettista che ha un costo elevato.

Quando conviene comprare una nuova costruzione 

Comprare una casa di nuova costruzione ha certamente numerosi vantaggi  rispetto a un’abitazione usata costruita da oltre 20 anni:

  • In genere gli spazi dedicati a corridoi e disimpegni sono ridotti al minimo
  • Non ha barriere architettoniche
  • I consumi energetici sono ridotti
  • Hanno una polizza che li garantisce contro le spese straordinarie
  • La costruzione è antisismica
  • Ha di solito un posto auto compreso

Naturalmente sono tutti vantaggi che fanno alzare il  costo di acquisto che è sempre più elevato rispetto alle vecchie abitazioni anche se ristrutturate.

Se si acquista una casa nuova si pagano  anche  tasse  più salate:

  • si paga l’Iva sul prezzo reale, mentre nell’usato si paga l’imposta di registro sul valore catastale (molto più contenuto)

Inoltre nelle case nuove, la mancanza di corridoi o i soffitti di altezza ridotta che vengono giustificati per rendere più efficiente il risparmio energetico, in  realtà servono ai costruttori per risparmiare sulla volumetria e ricavare un piano in più nella costruzione.

Potrebbe interessarti anche:

Casa: agevolazioni fiscali 2018

RIPRODUZIONE RISERVATA © 23 aprile 2018