Risparmio, investimenti finanziamenti
Patrizia Puliafito
DIRETTORE RESPONSABILE
Patrizia Puliafito
Patrizia Puliafito

Casa, Mutui, Prestiti

Casa: come acquistarla in asta con il mutuo

Gino Pagliuca
il mutuo per comprare casa in asta

Volete acquistare casa in asta? Ecco tutti i passi per partecipare alle aste. Per l’acquisto avete bisogno di un mutuo? Ecco i passi per ottenerlo e i costi

L’offerta delle vendite all’asta diventa sempre più ampia: si stima che entro fine  anno il totale degli immobili messi in asta ammonteranno a  295mila.

Tuttavia, chi cerca l’affare spulciando tra i siti che riportano i bandi delle aste immobiliari spesso ne esce scoraggiato. Se la speranza è quella di trovare immobili a prezzo “stracciato” infatti spesso  resta deluso, almeno in questa fase del mercato immobiliare, con i prezzi  scesi molto. Le procedure per fare arrivare in asta sono lunghe e quindi gli immobili vengono offerti sulla base di stime che non sono in linea con i prezzi di mercato perché le stime sono vecchie. 

Perché una casa finisce in asta: 

  • quando  è ipotecato e il proprietario non riesce più a pagare le rate del mutuo;
  • quando  appartiene a una società fallita;
  • quanto gli intestatari sono più di uno e non trovano un accordo sulla divisione (una situazione comune nel caso di eredità) e si rivolgono al tribunale che ne decreta la vendita giudiziale.

     Dove si tengono le aste delle case e i passi per partecipare 

  • in tribunale
  • presso gli studi dei professionisti delegati
  • su Internet, dove i notai hanno avviato  un sistema di aste telematiche a cui si può partecipare  senza essere fisicamente presenti nello studio del professionista.
  • Ecco i passi per partecipare: prima di tutto contattare il custode giudiziario indicato nel bando e verificare se l’immobile è visitabile. Nella maggioranza dei casi è possibile visionare l’immobile, ma non è scontato. Se l’immobile è di vostro interesse ecco come procedere:

  • se l’asta è senza incanto :  bisogna inviare un’offerta in busta chiusa contenente una cauzione del 10% del prezzo offerto. Se alla gara partecipa un solo offerente la proposta è ritenuta valida  se è pari alla base d’asta aumentato del 20%.  Se vi sono più offerte si avvia l’asta partendo come base dal prezzo dell’offerta più alta presente nelle buste. Se il prezzo di aggiudicazione non supera del 20% quello iniziale di stima, il creditore però può rifiutare.

  • se l’asta è con incanto:  bisogna versare una cauzione pari al 10% del prezzo base d’asta e si parte subito con i rilanci. Chi s’iscrive e non partecipa senza gravi e giustificati motivi perde la cauzione. Passati tre minuti dall’ultima offerta il bene viene temporaneamente assegnato. Ci sono infatti 10 giorni per la riapertura della gara, se qualcuno offre il 20% in più. Questa è la fase più delicata perché i professionisti delle aste sono disponibili a non riaprire la gara dietro pagamento di una tangente da parte di chi si è aggiudicato l’immobile. Di fronte a un rifiuto possono riaprire la gara e far rialzare il prezzo.

Passaggio di proprietà della casa

All’aggiudicazione la casa passa di proprietà con un decreto del giudice. 

  • non  vi sono  spese notarili
  • se l’acquisto è prima casa non si pagano le imposte nella misura normale (2% del valore catastale più 100 euro), ma si versa un’imposta  fissa di 600 questa è occupata 
  • se la casa è occupata bisogna avviare le procedure di sgombero forzato, non è detto che il procedimento sia rapido e che una volta liberata l’immobile risulti in buono stato. 

Il mutuo: come ottenerlo

Da qualche anno è possibile ottenere un finanziamento bancario per l’acquisto di una casa. Alcune aziende di credito infatti hanno stipulato un accordo con i tribunali italiani e garantiscono l’erogazione del mutuo.mutui per acquisto casa in asta SalvaDenaro

Per ottenerlo bisogna presentare alla banca le caratteristiche dell’immobile e l’istituto valuta la fattibilità dell’operazione.

Se dà il benestare si stipula un contratto preliminare, impegnativo per il cliente solo se l’acquisto va a buon fine, e con l’obbligo da parte della banca  a erogare una certa somma a condizioni prestabilite.

Il decreto di trasferimento dell’immobile e l’iscrizione dell’ipoteca avvengono poi contestualmente.

 

 

Ti può interessare anche

Mutui: i tassi ai minimi storici 

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © 22 novembre 2017