Risparmio, investimenti finanziamenti
Patrizia Puliafito
DIRETTORE RESPONSABILE
Patrizia Puliafito
Patrizia Puliafito

Pir: i nuovi piani individuali di risparmio. La novità 2017

Patrizia Puliafito
Pir i piani di risparmio

Pir (i piani individuali di risparmio)  investono nell’economia reale, sono esentasse. Ma sono adatti a tutti gli investitori?

 

I Pir sono i nuovi strumenti d’investimento che  nascono con l’obiettivo di convogliare il risparmio nell’economia reale e sostenere la ripresa. Possono essere: fondi , gestioni patrimoniali, contratti di assicurazione, depositi amministrati dove possono essere collocati diversi tipi di strumenti finanziari, come azioni, obbligazioni, quote di fondi comuni e anche contratti derivati. La composizione del portafoglio deve rispettare alcuni precisi vincoli: 

Composizione del portafoglio

  •  70% del capitale deve essere investito in obbligazioni e azioni di società  quotate e non, purché emessi o stipulati da imprese residenti in Italia o negli Stati membri dell’UE o in Stati aderenti all’ASEE, ma con attività stabile in Italia.
  • di  questo 70%, almeno il 30%  (equivalente al 21% del capitale complessivo) deve essere investito in strumenti finanziari emessi da società italiane ed estere (UE e SEE) che non compongono l’indice Ftse Mib di Borsa Italiana o in altri indici equivalenti.  
  • il restante 30% del portafoglio può essere investito in qualsiasi strumento finanziario (ivi compresi i depositi e conti correnti).

Inoltre il patrimonio del Pir non può essere investito per una quota superiore al 10% del suo valore complessivo in strumenti finanziari emessi o stipulati con lo stesso emittente o con altra società appartenente al medesimo gruppo o in depositi e conti correnti. Tale vincolo è posto a presidio della adeguata diversificazione del portafoglio che l’intermediario professionale deve garantire al risparmiatore.

Limiti per il risparmiatore  

Ciascuna persona fisica può essere titolare di un solo piano di risparmio e non vi può investire  più di 30.000 euro (minimo 500 euro)  all’anno, con un limite complessivo di 150.000 euro nell’arco dei cinque anni.  Come per i fondi d’investimento, anche per i Pir sono previsti i pac (piani di accumulo) ovvero versamenti rateizzati nel tempo.

Agevolazione fiscale

Le persone fisiche che mantengono il risparmio nei Pir per almeno cinque anni beneficiano di agevolazioni fiscali, ovvero non pagano la tassazione sui rendimenti (cedole e utili) pari al 12,50% per le obbligazioni e 26% per le azioni. In caso di mancato rispetto delle condizioni temporali dei cinque anni o dei limiti di diversificazione e concentrazione degli investimenti da parte del fondo, si dovranno pagare le ordinarie imposte sui redditi  aumentate degli interessi.

 

Vantaggi 

Per il Paese: investendo nell’economia reale, anche nelle piccole e medie imprese non quotate  rappresentano un stimolo per la ripresa economica italiana 

Per le pmi: sono un canale alternativo alla banca per il reperimento di finanziamenti 

Per il risparmiatore: partecipare al sostegno dell’economia reale e avere vantaggi fiscali

Rischi per il risparmiatore

Qualche rischio per il risparmiatore c’è. I pir, concepiti per sostenere l’economia reale italiana, investono almeno un quinto del portafoglio in azioni e obbligazioni di piccole e medie società italiane non quotate che, seppur scelte tra le più promettenti (come ci si augura facciano i buoni gestori)  sono,  comunque, soggette un rischio di liquidità superiore a quello delle blue-chip. Dunque, onde evitare di trovarsi di fronte all’ennesimo investimento rischioso, conviene valutare attentamente i nomi delle imprese su cui il gestore intende investire, valutare il settore in cui operano e il loro piano industriale. E, in ogni caso non investire più del 10% del proprio patrimonio. 

CONSIGLIO

Leggete sempre attentamente il prospetto informativo.

Potrebbero interessarti anche: 

Da oggi arrivano i pir che investono sull’Italia…. corriere.it

Sono arrivati i primi Pir…

 

 

 

 

 

 

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © 24 aprile 2017